By visiting KLM.com you accept the use of cookies. Read more about cookies.

Il Getty Center: un capolavoro di per sé.

L’architetto Richard Meier ha utilizzato pietra, vetro e acciaio (e un budget di miliardi di dollari) per creare il Getty Center. Il museo, situato in cima alla collina, attira visitatori sia per la sua vasta collezione d’arte che per l’apprezzamento della fantastica architettura.

Il magnate del petrolio J. Paul Getty era un fervente collezionista d’arte. La sua collezione personale valeva milioni di dollari e nel 1954 inaugurò il J. Paul Getty Museum in un’area della sua villa a Malibu. La villa divenne presto troppo piccola per ospitare la sua collezione, e Getty ne fece costruire una seconda (la Getty Villa, anche questa aperta ai visitatori). Morì prima che questa fu completata, ma lasciò una parte significativa della sua fortuna al museo. Gran parte di essa fu investita nel Getty Center, che fu inaugurato nel 1997.

Impresa architettonica

The Getty Center architecture Los Angeles

Il complesso è formato da undici edifici circondati da meravigliosi spazi esterni, fontane e sculture. La collezione d’arte Getty è così grande che i quattro spazi espositivi del Getty Center possono esporre solo una parte dell’intera collezione. L’eccezionale architettura spicca in maniera straordinaria. L’architetto Meier ha combinato il suo stile inconfondibile (armoniose superfici bianche) con materiali più classici per dare degno risalto alla collezione Getty. Le linee orizzontali e i quadrati determinano lo stile. Speciali visite architettoniche forniscono un esame più approfondito della visione dell’architetto e dell’impresa tecnica.

1. Il suono dell’acqua

Il meraviglioso Central Garden, nel cuore del Getty Center, è stato progettato dall’artista Robert Irwin. Un sentiero conduce i visitatori attraverso il giardino e segue un ruscello che porta ad un laghetto contenente un labirinto galleggiante di azalee. Ascolti il suono mutevole del ruscello lungo la strada: le pietre sono posizionate nell’acqua in un modo particolare, al fine di creare speciali effetti sonori. Neanche le piante lungo il ruscello sono posizionate a caso – sono infatti raggruppate secondo la loro struttura e il loro colore.

2. Nel museo

La collezione del museo è distribuita in quattro edifici: padiglioni nord, sud, est e ovest. Espongono arte proveniente dall’Europa e dal Nord America, e dal Medioevo ai giorni nostri. Grandi capolavori di pittori quali Gogh, Cézanne, Rembrandt e Renoir adornano le pareti. Oltre ai dipinti, Getty collezionava sculture e arte decorativa. Uno dei pezzi più famosi della sua collezione è la statua di bronzo di Venere e Cupido, del 1550, realizzata dallo scultore italiano Jacopo Sansovino.

3. Il paesaggio del deserto

The Getty Center Los Angeles

Il South Promontory è un paesaggio desertico artificiale, situato oltre il padiglione centrale. Il giardino è ricco di piante dalle sfumature blu, viola e grigie, che si mescolano perfettamente con la vegetazione del resto della collina. Il luogo offre inoltre vedute mozzafiato sulla città.

L’architetto non ha lasciato dettagli al caso, a partire dal parcheggio auto ai piedi della collina. Un tram elettrico trasporta i visitatori sino al Getty Center e con ciò l’intenzione di Meier era quella di sollevare letteralmente le persone e allontanarle dai problemi quotidiani.

Inizio pagina
  • www.airfrance.com
  • www.skyteam.com