KLM Royal Dutch Airlines KLM Royal Dutch Airlines
 

Il maestoso Parlamento sul Danubio

Sulle sponde del Danubio, potrà vedere un imponente edificio con una magnifica cupola rossa e numerose torri acuminate, che creano uno splendido contrasto con il cielo blu. Il grandioso Palazzo del Parlamento è uno dei simboli più famosi di Budapest. La splendida parte esterna dell'edificio è spesso ritratta nelle fotografie della città ed è possibile visitare gli interni di questo palazzo, altrettanto spettacolari.

L’imponente Palazzo del Parlamento fu ideato dal famoso architetto ungherese Imre Steindl. Come si evince dalle caratteristiche esterne, tipiche dello stile inglese Gothic Revival, il design si ispira al Palazzo di Westminster di Londra. La facciata, lunga 268 metri, si estende dal Ponte delle Catene sino al Ponte Margherita. Gli interni sono sfarzosamente decorati in stile rinascimentale e barocco. L’oro non manca: ne furono utilizzati ben 40 chili per donare al parlamento un aspetto regale. Vale la pena visitare le spettacolari sale e scalinate, non solo per la bellezza del Palazzo del Parlamento in sé, ma anche per i capolavori che vi sono esposti: i gioielli della corona ungherese, compresa la Sacra Corona d’Ungheria, risalente a 1000 anni fa.

Il maestoso Palazzo del Parlamento
Il maestoso Palazzo del Parlamento

Budapest

Il simbolo dell'orgoglio ungherese

Alla fine del 19° secolo, in Ungheria si susseguirono diversi cambiamenti. Il paese ottenne maggiore indipendenza dall'Austria e le città di Buda e di Pest furono unite per formare la capitale Budapest. L’unica cosa che mancava era un edificio adatto ad ospitare il Parlamento. Il poeta ungherese Mihály Vörösmarty pronunciò queste famose parole: "La nazione ha bisogno di una casa". Nel 1882, l’Imperatore Franz Joseph e il Primo Ministro dell’Ungheria istituirono un premio per il migliore progetto, che venne consegnato all'architetto Imre Steindl.
 
La costruzione iniziò nel 1885 e durò 13 anni. Sebbene Steindl combinasse diversi elementi stilistici, il suo design è talmente simmetrico che questi contrasti non emergono notevolmente. Gli interni presentano influenze neo-bizantine, come si può osservare nella tromba delle scale con le colonne corinzie e l’enorme affresco sul soffitto. Una delle stanze più belle è la sala a cupola esadecagonale, la cui magnificenza è degna di una cattedrale. Qui si ergono 16 statue raffiguranti re ed eroi ungheresi, che osservano i visitatori dall'alto. Il senso di sicurezza che tali statue esprimono è significativo della crescente indipendenza dell’Ungheria e, presumibilmente, del crescente orgoglio degli abitanti di Budapest di quel periodo.

“Il poeta ungherese Mihály Vörösmarty pronunciò le famose parole: "La nazione ha bisogno di una casa".”

I gioielli della corona ungherese

L’imponente sala a cupola ospita i gioielli della corona ungherese: lo scettro, il globo e la Sacra Corona d’Ungheria, che si dice sia stata indossata dal primo re ungherese Stefano I. La parte superiore della corona fu presumibilmente fornita da Papa Silvestro II, per la prima incoronazione nell'anno 1000. La parte inferiore si presume sia di origine bizantina, e risale all’11° secolo. La corona ha vissuto numerose avventure: è stata ripetutamente rubata e a causa di ciò sono state combattute delle battaglie. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, i gioielli della corona furono nascosti presso il Deposito delle Riserve Auree degli Stati Uniti, a Fort Knox, affinché non cadessero in mani sovietiche. Il presidente Jimmy Carter li riportò in Ungheria nel 1978.

I gioielli della corona ungherese