Il suo browser non è aggiornato.
Per utilizzare in modo sicuro tutte le funzioni di KLM.com le consigliamo di aggiornare il suo browser o di utilizzarne un altro. Se continua con questa versione, alcune parti del sito web potrebbero non essere visualizzate o funzionare correttamente. Inoltre, con un browser aggiornato le sue informazioni personali sono più al sicuro.

 

Vedute poetiche di Hangzhou

Il Lago dell'Ovest di Hangzhou è un piccolo angolo di paradiso sulla terra, secondo i cinesi. Famosi pittori, poeti e scrittori vennero qui per cercare ispirazione e si innamorarono di giardini, pagode e isole del lago che non lasciarono mai più. In parte grazie ai viaggiatori che in seguito scoprirono la regione, durante il secolo scorso vennero aggiunti ulteriori laghi e templi.

Oggi il Lago dell'Ovest è un paesaggio culturale. È stato trasformato a partire dal XIX secolo: sono stati costruiti templi, pagode, padiglioni, giardini e addirittura isole intere. Per richiamare la perfetta armonia tra natura e cultura, alcuni dei luoghi più attraenti vantano nomi poetici. "Luna Autunnale sul Lago Calmo" e "Tracce di Neve sul Ponte in Inverno" suonano così idilliaci e romantici. Il modo migliore per visitare questi luoghi affascinanti è in bicicletta o su un’imbarcazione.

Il Lago dell'Ovest al tramonto
Il Lago dell'Ovest al tramonto

Hangzhou (nearby Shanghai)

La leggenda del serpente

Gli abitanti di Hangzhou sono molto superstiziosi e lo dimostra la storia della Pagoda buddista di Leifeng. Questo padiglione sulle rive del lago fu costruito nel 975 su ordine del re Qian Chu, in onore di una delle sue concubine. Durante la dinastia Ming, i giapponesi diedero fuoco all'edificio, il quale però sopravvisse miracolosamente. Siccome i visitatori rimossero superstiziosamente i mattoni per usarli come talismani per allontanare malattie e altri disturbi, la pagoda crollò nel 1924. Questa può sembrare la triste fine di una pagoda millenaria. Tuttavia, fu motivo di celebrazioni. Per i cinesi, la zona di Hangzhou si intreccia con la leggenda popolare del serpente bianco, uno dei racconti popolari più conosciuti della Cina. La leggenda narra che una ragazza serpente fosse rinchiusa nella Pagoda di Leifeng. Quando l’edificio crollò, gli abitanti del posto speravano di trovare indizi riguardo alla veridicità della storia, ma questo non accadde mai. La torre è stata ricostruita ed è aperta per le visite, così come le rovine del ponte che conducono al padiglione. Una bicicletta a noleggio è il modo perfetto per esplorare le 2 dighe attraverso il lago, i ponti e i parchi. Nel caso avesse bisogno di fare una pausa, lungo il lago troverà numerose "tea house", e se le capitasse di attraversare il ponte Broken Bridge, si ricordi di ammirare il panorama spettacolare.

“Proverbio cinese: “Lassù c’è il paradiso, qui sulla terra abbiamo Suzhou e Hangzhou””

Teatro sull’acqua

Ogni giorno al tramonto, il Lago dell’Ovest diventa l’ambientazione di uno spettacolo all’aria aperta, nel quale barche, lanterne, tamburi, musica e centinaia di danzatori su un palco invisibile (sotto la superficie dell’acqua) regalano una performance spettacolare. La nebbia sull’acqua intensifica l’atmosfera misteriosa. Sebbene non venga pronunciata alcuna parola, “Impressions of West Lake” racconta la storia di un amore impossibile. Lo spettacolo è diretto da Zhang Yimou, il celebre regista che diresse la cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Pechino nel 2008.

Una scena da “Impressions of West Lake”

Maggiori informazioni su Hangzhou (nearby Shanghai)