Il suo browser non è aggiornato.
Per utilizzare in modo sicuro tutte le funzioni di KLM.com le consigliamo di aggiornare il suo browser o di utilizzarne un altro. Se continua con questa versione, alcune parti del sito web potrebbero non essere visualizzate o funzionare correttamente. Inoltre, con un browser aggiornato le sue informazioni personali sono più al sicuro.

 

La favola della Sirenetta

La Sirenetta, per amore, scambiò la sua pinna con un paio di gambe, ma dovette donare la sua voce alla cattiva strega dei mari. Tutti conoscono la favola della Sirenetta, che lo scrittore danese Hans Christian Andersen scrisse nel 1836. In suo onore, la scultura della Sirenetta si trova presso il molo di Langelinie a Copenhagen.

Eccola seduta lì, su una roccia di granito nel quartiere dell’antico porto di Nyhavn. La Sirenetta è involontariamente diventata una delle attrazioni più famose di Copenhagen. Ogni giorno, dozzine di turisti accorrono per farsi fotografare con la statua. Fu il produttore di birra danese Carl Jacobsen, inventore della birra Carlsberg, a commissionare la statua. Nel 1909 assisté a un balletto basato sulla Sirenetta di Andersen, e ne rimase così colpito che chiese allo scultore danese Edvard Eriksen di plasmare la statua.

Statua della Sirenetta
Statua della Sirenetta

Copenhagen

Hans Christian Andersen

Una tragica storia d’amore

La Sirenetta narra la triste storia di una giovane sirena che salva un principe caduto in mare durante una tempesta. Ella se ne innamora perdutamente e desidera lasciare il mare per vivere sulla terra. Per trovare il suo principe, dona la sua voce in cambio di un paio di gambe: ha tre giorni di tempo per ricevere il bacio d’amore dal principe che la trasformerà in un essere umano ma, se non lo otterrà, si trasformerà in schiuma marina. Il principe è attratto da lei ma non la riconosce: ricorda solo di essere stato salvato da una ragazza dalla voce magica e, infine, sposa un’altra donna. Con il cuore infranto, la Sirenetta si lancia da una scogliera e si trasforma in schiuma marina.

La statua ha una ricca storia

Una sirena, due modelle

Jacobsen desiderava che la prima ballerina danese Ellen Price facesse da modella per la scultura, ma questa si rifiutò di posare nuda. Infine, il corpo della Sirenetta fu ispirato alla moglie di Eriksen e Price posò soltanto per la realizzazione del viso. La scultura, alta 1,25 metri, fu inaugurata nell’agosto del 1913, sulla scia della moda di decorare i parchi e le strade di Copenhagen con sculture di personaggi classici e storici.

Decapitata e copiata

Sapere che in realtà la statua nel porto è solo una copia, toglie un po’ di magia. L’originale viene conservato dagli eredi di Eriksen in un luogo segreto. Vi è un’ottima ragione per ciò: negli anni la Sirenetta è stata danneggiata diverse volte. Fu persino decapitata, nel 1964, da artisti faziosi appartenenti al movimento Situazionista. La sua testa fu riattaccata ma venne di nuovo rubata nel 1998. Come in una vera e propria storia criminale, la testa fu poi restituita in forma anonima a una stazione TV locale.

La Sirenetta è stata decapitata diverse volte