Il suo browser non è aggiornato.
Per utilizzare in modo sicuro tutte le funzioni di KLM.com le consigliamo di aggiornare il suo browser o di utilizzarne un altro. Se continua con questa versione, alcune parti del sito web potrebbero non essere visualizzate o funzionare correttamente. Inoltre, con un browser aggiornato le sue informazioni personali sono più al sicuro.

 

Il sound di Chicago: la musica house

House, techno, trance, hardcore, acid e tutti i sottogeneri che rientrano sotto il nuovo termine generico EDM (Electronic Dance Music) devono il loro successo a un leggendario DJ e a una discoteca: Frankie Knuckles e The Warehouse. Chicago: la città in cui tramontò l’era della disco music e nacque la musica house, e dove la vita notturna è più frizzante che mai.

È il 1977. Alla console della discoteca The Warehouse si trova Frankie Knuckles, che in seguito avrebbe scritto la storia della musica come “il padrino della musica house”. La febbre del sabato sera governa il botteghino e le classifiche musicali sono dominate dai Bee Gees, i Tavares e Donna Summer. La disco music è il genere del momento, anche alla “The House”, nome con cui la discoteca è conosciuta dai clienti abituali. Qui Donna Summer non viene considerata spesso: i DJ mettono soprattutto album disco e funky soul di Cheryl Lynn, Positive Force e First Choice.

Frankie Knuckles, padrino della musica house
Frankie Knuckles, padrino della musica house

Chicago

Addio disco, benvenuta house!

Nell’estate del 1979, la “Disco Demolition Night” mette bruscamente fine al genere. Un container pieno di album di musica disco viene fatto saltare in aria in uno stadio da baseball pieno di persone, a Chicago, mentre la folla intona cori come “Death to Disco” (a morte la disco) e “Disco sucks” (abbasso la disco). Dopo alcuni anni di disco mania, il pubblico ne ha abbastanza. È ora pronto per una musica nuova, ma siccome non esiste ancora nulla che possa sostituire la disco, Frankie Knuckles inizia a sperimentare. Mixa classici disco con un sound new wave elettronico europeo, utilizzando sintetizzatori e drum machine per aggiungere ulteriori livelli. Questi mix sono registrati su vinile e – denominati “Music from The House” o “House Music” – venduti come il pane nei negozi di dischi locali. È nata la musica house, un nuovo stile musicale che catturerà velocemente il mondo della musica.
Il proprietario di The Warehouse sente odore di denaro e raddoppia il prezzo di ingresso. È giunto il momento per Knuckles di fare le valigie e aprire la propria discoteca: The Power Plant. Insieme al cantante Jamie Principle scala le classifiche con “Your Love” e “Baby Wants To Ride”. Altri produttori seguono l’esempio di Knuckles e nel 1986 Farley “Jackmaster” Funk ottiene un successo mondiale con “Love Can’t Turn Around”. Quello stesso anno, l’ondata house a Chicago ha conosciuto alti e bassi. Knuckles chiude The Power Plant e si trasferisce a New York, sua città natale, che velocemente diventa la nuova capitale house del mondo.
La leggenda di Knuckles vive ancora
Gramaphone records

Ritorno a The Warehouse

Quindi dove potrà ascoltare le hit di quel periodo e immergersi nell’atmosfera di quei giorni di gloria? I 3 eventi seguenti teletrasporteranno i visitatori indietro nel tempo, ai giorni della musica house di Chicago. Quest’estate, visiti anche la mostra “Move Your Body: The Evolution of House Music” (consulti il programma qui sotto). Tuttavia, niente è mutevole quanto la vita notturna di Chicago; troverà i volantini più aggiornati nel negozio di dischi Gramaphone Records.

Queen!

Smart Bar iniziò come discoteca gay, ma oggi chiunque è il benvenuto. Queen! è la serata domenicale realizzata dalla leggenda della musica house Derrick Carter, che ha remixato artisti come The Human League, Modjo e Röyksopp. Time Out Chicago la definisce "la più grande istituzione house della città".

Venerdì scatenati

2 volte al mese lo spettacolare foyer del Chicago Cultural Center viene trasformato in una discoteca. I grandi della musica house come Roy Davis Jr., Michael Serafini e Garrett David mettono i loro classici preferiti per una folla eterogenea. Vada a scatenarsi un po' durante il giorno, all’ora di pranzo. L’ingresso è gratuito.
Il soffitto del Chicago Cultural Center

Hot Mix Lunch

Chosen Few DJs affonda le sue radici nella scena house di Chicago degli anni ’80. Ogni anno in estate il gruppo di DJ organizza The Chosen Few Picnic Weekend, un festival house della durata di 4 giorni che accoglie 40.000 visitatori, e una serie gratuita di party dance mensili all’aperto, all’ora di pranzo.

Si immerga nella vita notturna di Chicago

I giorni di gloria della musica house a Chicago sono ormai lontani. Grazie all’allora senatore Barack Obama, il 25 agosto 2004 è stato proclamato il Frankie Knuckles Day, e la strada dove un tempo sorgeva The Warehouse è stata rinominata Frankie Knuckles Way. Knuckles è scomparso nel 2014 e l’antica e leggendaria discoteca oggi ospita un’agenzia pubblicitaria. Non vi è molto a ricordare il "padrino della musica house" e la nascita di una delle correnti di maggior successo nella storia della musica.
Nel corso del tempo, la musica house si è trasformata in un’ampia gamma di generi e sottogeneri tra cui techno, trance, acid, hardcore, deep house e dubstep, tutti compresi nel nome generico americano EDM (Electronic Dance Music). La musica house originale degli anni ’80 è oggi conosciuta come "Chicago house", che sta tornando alla ribalta in tutta Europa. I grandi della musica house del passato come Lil’ Louis, Roy Davis Jr. e DJ Sneak sono raramente prenotati per delle serate nella loro Chicago, ma sono molto richiesti in discoteche, festival e party a Londra, Parigi, Berlino, Barcellona e Ibiza.
Chicago non perde tempo guardando al passato, ma ha gli occhi puntati al futuro. La città è ancora nota per la sua vivace vita notturna che accoglie giovani talenti. Ma dovrà sapersi orientare. La "città ventosa" ha infatti un altro soprannome: "la città dei quartieri", dovuto al fatto che ci sono decine di quartieri, ognuno dei quali ospita i propri locali notturni. Il fiume Chicago divide la città in due: la zona settentrionale è dominata da giganti discoteche esclusive con politiche rigorose all’ingresso, code infinite, aree VIP e drink estremamente costosi. Nella zona meridionale invece si possono trovare discoteche più piccole, più progressiste e meno pretenziose.
Dove tutto ebbe inizio

Il quartiere di West Loop, dove un tempo sorgeva The Warehouse, oggi ospita The Mid, uno dei locali più famosi di Chicago. I rappresentanti della musica EDM come Tiësto, Avicii e Martin Garrix sono ritratti sui poster insieme ai DJ della vecchia guardia come Derrick Carter o Farley "Jackmaster" Funk. A River North potrà trovare lo SpyBar, un interessante mix tra lounge di prima qualità e discoteca dall’atmosfera bollente, con musica electro house di tendenza firmata Digitalism o Crookers. Una new entry è il Primary a Gold Coast, dove promettenti DJ della zona mettono musica house, electro e indie dance a tutto volume.