KLM uses cookies.

KLM’s websites use cookies and similar technologies. KLM uses functional cookies to ensure that the websites operate properly and analytic cookies to make your user experience optimal. Third parties place marketing and other cookies on the websites to display personalised advertisements for you. These third parties may monitor your internet behaviour through these cookies. By clicking ‘agree’ next to this or by continuing to use this website, you thereby give consent for the placement of these cookies. If you would like to know more about cookies or adjusting your cookie settings, please read KLM’s cookie policy.

Il suo browser non è aggiornato.
Per utilizzare in modo sicuro tutte le funzioni di KLM.com le consigliamo di aggiornare il suo browser o di utilizzarne un altro. Se continua con questa versione, alcune parti del sito web potrebbero non essere visualizzate o funzionare correttamente. Inoltre, con un browser aggiornato le sue informazioni personali sono più al sicuro.

 

I Tesori del Palazzo Reale di Amsterdam

Il maestoso palazzo reale su Piazza Dam è uno dei principali monumenti storici di Amsterdam. Nel 17° secolo, questo imponente edificio nel centro cittadino era soprannominato «l’ottava meraviglia del mondo». Oggi è utilizzato principalmente per ricevimenti ufficiali ed eventi reali, benché gli antichi interni e la bellissima collezione d’arte siano aperti al pubblico tutto l’anno.

Il Palazzo Reale di Amsterdam non è sempre stato un palazzo. Originariamente fu concepito per diventare il nuovo municipio di Amsterdam, e fu progettato nel 1648 dal famoso architetto Jacob van Campen. Questo edificio classico, riccamente decorato, doveva testimoniare la grandezza e la ricchezza di Amsterdam durante il Secolo d’oro olandese, un momento di grande prosperità economica e culturale. All’interno si possono ancora ammirare minuziose sculture e preziosi dipinti dell’epoca, comprese opere di Rembrandt, Govaert Flinck e Ferdinand Bol.

Il Palazzo Reale di Amsterdam
Il Palazzo Reale di Amsterdam

Amsterdam

Da municipio a Palazzo Reale

Nel 17° secolo Amsterdam era la città mercantile più importante al mondo: aveva quindi necessità di un municipio rappresentativo. Piazza Dam, il cuore storico della città, fu considerata il luogo ideale. Al suo completamento, nel 1665, il Municipio - retto da 13.659 pilastri di legno - era il più grande edificio pubblico presente in Europa. L’orgoglio degli abitanti di Amsterdam è testimoniato dalle parole del famoso poeta olandese Joost van den Vondel, che paragonò la splendida costruzione ad «una sposa al centro dell’attenzione nel giorno del suo matrimonio».
Fu nel 1808 che l’edificio divenne palazzo reale, quando il Re Luigi, il fratello dell’imperatore francese, iniziò ad utilizzarlo come propria abitazione. Non ne godette tuttavia a lungo: dopo il rovesciamento di Napoleone nel 1813, il Principe Guglielmo d’Orange restituì il Palazzo alla città. I mobili in stile Impero possono comunque essere ammirati ancora oggi: i pezzi sono circa 2.000 e vanno da mobili in legno imbottiti a lampadari in ottone ed arazzi originali.

Mobili antichi decorano gli interni

Pezzi da esposizione risalenti al Secolo d’oro olandese

Il Palazzo comprende 17 maestose sale, stanze e gallerie aperte al pubblico: la più importante è la Sala dei cittadini, la più grande del Palazzo. Lo spazio simboleggia l’universo: sui pavimenti in marmo troviamo le mappe dell’emisfero celeste settentrionale e degli emisferi orientale ed occidentale. Il periodo migliore per visitare il Palazzo è quello delle mostre annuali, in estate ed autunno. In estate mette in mostra la ricca storia dell’edificio ed i pezzi da esposizione risalenti al Secolo d’oro olandese, mentre in autunno consente di conoscere le opere dei giovani artisti più in voga, nominati per il Premio Reale per la Pittura Moderna.

“La Sala dei cittadini simboleggia l’universo: sui pavimenti in marmo troviamo le mappe dell’emisfero celeste settentrionali e degli emisferi orientale ed occidentale.”

Crediti fotografici

  • Mobili antichi decorano gli interni: SayGoudaCheese, Flickr