KLM Royal Dutch Airlines KLM Royal Dutch Airlines
 

Animali selvaggi vicino alla capitale

A soli 7 km dalla capitale del Kenya, il Nairobi National Park vanta una savana brulicante di animali selvaggi e una meravigliosa vista sullo skyline della città. La quantità di animali è impressionante, infatti il parco ospita il più alto numero al mondo di rinoceronti neri in via d'estinzione, bufali, leoni e zebre.

L'entrata del parco dista solo 15 minuti di auto da Nairobi. Sebbene confini letteralmente con il cortile di alcune case, all'interno del parco potrà individuare 4 dei cosiddetti Big Five, le mancherà solo l'elefante africano. Anche se il Nairobi National Park non è particolarmente esteso, in quanto uno dei più piccoli parchi naturali in Africa in termini di spazio, ospita almeno 100 specie di mammiferi e 400 specie di uccelli: non perda l'occasione per scattare foto meravigliose.

Abitanti temporanei del parco

Solo 3 dei 4 lati del parco nazionale sono delimitati da cancelli, in modo che gli animali siano liberi di lasciarlo quando vogliono. Zebre e gnu migrano ogni anno verso luglio e agosto, regalando ai visitatori uno spettacolo meraviglioso. Oltre all'incredibile varietà di mammiferi, il parco ospita anche 400 specie di uccelli, delle quali circa 20 migrano ogni anno dall'Europa.
Gnu che migrano al Nairobi National Park
L'Ivory Burning Site Monument: la lotta al bracconaggio

Fermare il commercio di avorio

L'attività dei bracconieri negli ultimi decenni ha causato l'estinzione di diverse specie, come il rinoceronte nero occidentale. Il Kenya e altri paesi hanno chiesto di fermare il bracconaggio: nel 1989 il presidente keniano bruciò oltre 5 tonnellate di zanne confiscate, e questo non è stato il solo episodio simbolico. L’Ivory Burning Site Monument, accanto all'ingresso principale del parco, vuole proprio commemorare quest'evento. Sebbene i bracconieri siano ancora attivi, la popolazione degli elefanti in Kenya sta assistendo a una crescita costante.

Giraffe in giro per casa

Nel 1979, Jock Leslie e la moglie Betty allevarono in casa una giovane giraffa di Rothschild. Questa sottospecie di giraffa, riconoscibile dal motivo giallo-marrone del suo manto fino alle ginocchia, era in via di estinzione: la popolazione rimanente era stimata in 120 esemplari. Quella che iniziò come una passione, ha dato vita a un centro di conservazione per giraffe a sud di Nairobi, dove ancora oggi questi animali vengono allevati finché non sono in grado di vivere autonomamente nella savana.